Christer Stromholm

Editoriale Una breve storia di Leica

© Christer Strömholm

"Scattare con una Leica è come un lungo bacio tenero, come sparare con una pistola automatica,
come un'ora sul lettino dell'analista”. – Henri Cartier-Bresson


─── di Edward Clay, 20 settembre 2022

Acclamato come il miglior marchio di fotocamere e pioniere dell'estetica Magnum, Leica è uno dei nomi più prestigiosi della fotografia, una fotocamera responsabile di alcune delle immagini più memorabili nella memoria collettiva. La prima fotocamera da 35 mm era una Leica e la sua invenzione è stata un punto di svolta per un fiorente mezzo artistico e giornalistico.

foto di un prototipo Leica 1923
Prototipo Leica 1923 © Alliance / Westlicht


All'inizio del 1900 le macchine fotografiche erano ancora ingombranti e difficili da trasportare. Infastidito dalle lunghezze che un fotografo doveva impiegare per realizzare lo scatto, Ernst Leitz, un ingegnere ottico tedesco che gestiva un istituto che produceva microscopi, era convinto che una fotocamera portatile più piccola potesse essere prodotta con i suoi obiettivi.

Determinato a cambiare le cose, Leitz istigò il prototipo Leica nel 1914 e in seguito cedette le redini della produzione a Oscar Barnac, collega ottico e fotografo.

ritratto in bianco nero di Oskar Barnack - Leica
Oskar Barnack sul posto di lavoro, 1934 © Julius Huisgen


Mentre Oscar Barnack lavorava alla fotocamera, la montò con un obiettivo Leitz anastigmat 50mm 3.5. Il prototipo completamente funzionante si chiamava UR-leica, una fotocamera per pellicole perforate da 35 mm.

La nascita di UR-leica ha significato un salto nel mondo della fotografia poiché l'invenzione di Barnack era abbastanza piccola da poter essere utilizzata a mano, creando una fotocamera sufficientemente compatta da poter essere portata ovunque. Nel 1925, il prototipo era stato perfezionato e il Leica I era pronto per il rilascio in tutto il mondo.

Ritratto di Henri Cartier-Bresson con la sua Leica nel 1957 di Jane Bown
Henri Cartier-Bresson con la sua fidata Leica nel 1957 © Jane Bown
foto in bianco e nero di un uomo che salta di Henri Cartier-Bresson
L'uomo che salta su una pozzanghera, Francia, 1932 © Henri Cartier-Bresson
foto in bianco e nero del bacio di VJ Day a Times Square, New York, 1945 di Alfred Eisenstaedt
Bacio del VJ Day a Times Square, New York, 1945 © Alfred Eisenstaedt


Mentre la Leica I era una fotocamera con obiettivo fisso da 35 mm, Barnack voleva sviluppare ulteriormente l'originale, garantendo ai fotografi la flessibilità di scattare in tutte le condizioni. Sviluppando un corpo macchina a telemetro con obiettivi rimovibili e intercambiabili, il Leica II

I fotografi professionisti si sono presto resi conto che la Leica offriva loro la libertà di scattare in modo dinamico, con una qualità straordinariamente alta. Si dice che la portabilità della fotocamera abbia innescato la crescita del fotogiornalismo nel XX secolo. 

Foto di Il terrore della guerra, Vietnam, 1972 © Nick Út
Il terrore della guerra, Vietnam, 1972 © Nick Út
foto in bianco e nero di una ragazza con Leica, 1934 di Alexander Rodchenko
Ragazza con Leica, 1934 © Alexander Rodchenko
Ritratto in bianco e nero di Muhammad Ali, 1966 di Thomas Hoepker
Muhammad Alì, 1966 © Thomas Hoepker


Man mano che le fotocamere diventavano più compatte, nuove frontiere diventavano più accessibili e ai fotografi venivano concesse nuove prospettive sulle notizie assegnate stories.

Dal soldato che cade di Robert Capa, l'uomo che salta la pozzanghera di Henri Cartier-Bresson, la coppia che si bacia a Times Square di Alfred Eisenstaedt: queste immagini storiche fanno di Leica una vera icona. Consentire all'artista di liberarsi dallo studio e scoprire cosa c'era sul strada, la mobilitazione dei fotografi è stata di per sé una rivoluzione e la Leica uno strumento di sconvolgimento.

foto a colori di Horse Pool and House di Luis Barragan, Messico, 1976 © René Burri
Horse Pool and House di Luis Barragan, Messico, 1976 © René Burri
foto a colori di Uomo con benda, Vancouver, Canada 1968 di Fred Herzog
Uomo con la fasciatura, Vancouver, Canada 1968 © Fred Herzog
foto a colori dell'Avana, Cuba, 1993 di Alex Webb
L'Avana, Cuba, 1993 © Alex Webb

 

Dovremmo essere grati al cerchietto rosso per le centinaia di foto leggendarie che hanno definito e scritto la storia del 20° secolo, oltre a ricordare altre parole di saggezza di Cartier-Bresson, forse il fotografo più iconico di Leica:

"È un'illusione che le foto siano fatte con la fotocamera ... sono fatte con l'occhio, il cuore e la testa."

 

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari