Dan Winter

Profilo Dan Winter

© Dan Winters

“Stai lontano dalle tendenze. Cerca di creare immagini che resistono alla prova del tempo. Immagini che rimarranno rilevanti per molto tempo dopo che sarai passato.”


─── di Josh Bright, 9 novembre 2021

Lo stimato giudice di the Independent Photographer'S, Premio Ritratto 2021, Dan Winters è uno dei migliori fotografi del nostro tempo, la cui ritrattistica profondamente avvincente trasmette in modo articolato l'essenza del soggetto.

ritratto in bianco e nero di Joaquin Jackson di Dan Winters
Joaquin Jackson - Fort Davis, TX - Mensile del Texas


Il suo interesse per la fotografia è iniziato durante la sua infanzia, acceso da un'esperienza trasformativa che ha avuto
in una camera oscura che apparteneva al padre del suo amico. 

“Stavo visitando la loro casa e suo padre stava stampando e ha chiesto se volevamo entrare e osservare mentre stava lavorando. La magia a cui ho assistito quel giorno ha lasciato un segno indelebile su di me".

Ritratto a colori di Laura Dern di Dan Winters
Laura Dern - Los Angeles, CA - Rivista di deviazione
Ritratto a colori del saldatore ucraino di Dan Winters
Saldatore ucraino, cantiere navale Aker - Turku, Finlandia - Popular Mechanics
Ritratto a colori di Pullman Conductor di Dan Winters
Direttore d'orchestra centenario Pullman - Los Angeles, CA - AARP


Proseguì
a studia fotografia al Moorpark College nel sud della California, prima di trasferirsi a Monaco di Baviera per completare la sua educazione formale alla Ludwig Maximilian University. Successivamente è tornato nella sua contea natale di Ventura in California e ha iniziato la sua carriera lavorando come fotoreporter. Dopo aver vinto numerosi premi regionali, si è trasferito a New York City, a calamita per tanti grandi praticanti prima di lui, e lo trovarono terreno fertile. Ha stabilito rapidamenteed se stesso come fotografo freelance assumendo incarichi editoriali per una serie di pubblicazioni importanti.

Ritratto in studio a colori di Arnold Schwarzeneger di Dan Winters
Arnold Schwarzenegger - Santa Monica, CA - Rivista V Life


Nel corso della sua illustre carriera, ha fotografato alcuni dei nomi più importanti del cinema, della politica, della musica e dello sport, ognuno dei quali trascrive con la stessa sorprendente veridicità, destrezza e attenzione ai dettagli.

Di recente ha fotografato Angelie Jolie ricoperta di api da miele (per illustrare un articolo su World Bee Dsì per National Geographic) un omaggio alla rappresentazione dell'apicoltore di Richard Avedon del 1981, Ronald Fisher. Per comprendere meglio il processo dietro l'immagine di Avedon, uno degli amici di Dan Winters si è messo in contatto con Fischer le cui intuizioni e consigli hanno contribuito a informare l'approccio di Winters, ottenendo un'immagine straordinariamente potente che funge da tributo all'originale.

Ritratto in studio a colori di Angelina Jolie di Dan Winters
Angelina Jolie - National Geographic - Hollywood, CA


“Appoggiando il Feromone Regina liquido direttamente sulla pelle di Angelina, le api pensano di essere in presenza di una regina e questo le mantiene calme. Angelina rimase quasi immobile per diciotto minuti mentre le api strisciavano su tutto il suo corpo, senza mai ricevere una singola puntura davanti alla telecamera”

Come molti dei suoi illustri soggetti, le sue opere sono sorprendenti, iconiche e facilmente identificabili, pervase da un'intensità minacciosa che cattura lo spettatore fin dall'inizio. La sua comprensione della luce e della forma è straordinaria; i soggetti esprimono una qualità scultorea che smentisce i presunti limiti delle immagini fisse.

Ritratto in studio a colori di Denzel Washington di Dan Winters
Denzel Washington - Hollywood, California - Rivista del New York Times
Ritratto in studio a colori di Will Ferrell di Dan Winters
Will Ferrell - Hollywood, CA - Rivista cablata


Il suo illustre cast è spesso inquadrato contro una schiena austeradrops: pezzi di stoffa sbrindellata; pareti fatiscenti, o appollaiati su mobili sbrindellati, ricordando l'opera del grande Irving Penn (uno dei massimi esponenti della ritrattistica nella storia del medium) che utilizzò ambienti simili come mezzo per dirigere ulteriormente l'attenzione dello spettatore verso il soggetto.

In una delle numerose rappresentazioni di Ryan Gosling, Winters si trovava l'attore canadese all'intersezione di due pareti angolate, una tecnica che Penn ha impiegato in numerose immagini. Il risultato è un'immaginecutamente intensa con una qualità quasi claustrofobica che genera un senso di vicinanza tra spettatore e soggetto.

Ritratto in studio a colori di Ryan Gosling di Dan Winters
Ryan Gosling, Wired 2017
Ritratto in studio a colori di Nick Offerman di Dan Winters
Nick Offerman - Austin, TX - Rivista GQ
Ritratto in studio a colori dell'istruttrice Donna Braveboy di Dan Winters
Istruttrice di esercizi, Donna Braveboy - Paris Island, SC - New York Times Magazine


Sebbene il suo approccio vari a seconda del compito da svolgere, può sembrare in qualche modo sorprendente (considerando la relativa rigidità del formato in studio che domina la sua opera) che Dan Winters affermi di "punta molto sulla fluidità”.

“Lo strumento più importante per ogni artista è sviluppare un dialogo interno. Questo processo di comprensione della propria voce creativa è l'ingrediente più essenziale. Se capiamo perché facciamo scelte creative ci permette di diventare più coerenti con il nostro lavoro. È importante capire che questo è un processo in continua evoluzione e che si evolverà durante il proprio percorso creativo. È importante continuare a crescere perché scadere nella formula è morire di una piccola morte come artista”.

Ritratto in studio a colori di Benedict Cumberbatch di Dan Winters
Benedict Cumberbatch - Los Angeles, CA - Time Magazine
Ritratto in studio a colori di Tupac Shakur di Dan Winters
Tupac Shakur - Hollywood, California - Rolling Stone


Allo stesso modo, rimane flessibile quando si tratta dei suoi accessori scelti, utilizzando vari strumenti secondo l'intento stabilito. È passato al digitale per la prima volta nel 2013, e con le sue stesse parole 'non si è più guardato indietro da allora', sia per le capacità offerte che esprime 'di gran lunga superiore a quello del film', e l'impatto ambientale relativamente minuscolo.

Dan Winters deve gran parte della sua fama alla sua ritrattistica, ma come tanti dei suoi eminenti antenati, il suo occhio non si ferma mai e, accanto al suo lavoro editoriale e commerciale, realizza progetti personali e cattura immagini spontanee nel suo ambiente quotidiano. Ha fotografato familiari, amici e vicini; i residenti e i paesaggi distopici del bacino del Permiano negli Stati Uniti sud-occidentali e le bande di strada in Texas, tra gli altri. Inoltre, nel 2016, The Grey Ghost, una raccolta di fotografie scattate per le strade di New York durante la fine degli anni '80 e '90, è stato pubblicato da Angolo roccioso.

ritratto in bianco e nero di Larry Winters di Dan Winters
Larry Winters - Apple Valley, California


Ha vinto oltre cento premi nel corso della sua carriera, in particolare il World Press Photo Award nella categoria Arts and Entertainment nel 2003 e il prestigioso Alfred Eisenstaedt Award for Magazine Photography.

Tuttavia, sebbene il panorama del mezzo possa essere cambiato radicalmente, non da ultimo a causa della proliferazione dei social media e della conseguente ubiquità delle immagini, la sua distinta voce artistica continua a tagliare la cacofonia: schietta, eloquente e profondo.

“E' importante come artisti rimanere fedeli al percorso che stiamo percorrendo. Lavora all'interno del nostro vero sé e presta attenzione alla nostra sensibilità in via di sviluppo. Stai lontano dalle tendenze. Cerca di creare immagini che resistono alla prova del tempo. Immagini che rimarranno rilevanti a lungo dopo che sei passato. Concentrati sulla tua voce e sulla tua visione. Crea immagini oneste che sono collegate all'umanità. Questo non vuol dire che un po' di divertimento qua e là non sia il benvenuto.”


Tutte le immagini © Dan Winter