Evelyn Hofer

Profilo Evelyn Hofer

© Evelyn Hofer

“In realtà, tutto ciò che noi fotografi fotografiamo siamo noi stessi nell'altro
- tutto il tempo"
- Evelyn Hofer


─── di Josh Bright, 16 settembre 2021
  • Nato a Marburg, Germania nel 1922, Evelyn Hofer era una fotografa, nota per i suoi ritratti sensibili, i paesaggi e la natura morta. 

    42a strada, New York, 1964


    Appassionata pianista, ha inizialmente seguito questa strada, anche se dopo che la sua domanda al Conservatorio di Parigi è stata respinta, ha scelto di concentrarsi invece sulla fotografia. Apprendistato e lezioni private con numerosi fotografi sia a Basilea che a Zurigo, tra cui Hans Finsler, uno dei pionieri del movimento "Nuova oggettività", Hofer
     la formazione ha coperto sia gli aspetti tecnici che teorici del mezzo, includendo le teorie dell'estetica e i processi chimici coinvolti nella produzione di stampe. 

    Springtime, Washington, 1965, Fotografia a colori di Evelyn Hofer
    Primavera, Washington, 1965
    Una ragazza nel 1975


    Nel 1942, la sua famiglia si trasferì a Messico, ma è stato il suo trasferimento a New York quattro anni dopo che ha segnato veramente l'inizio della sua carriera di fotografa. Poco dopo il suo arrivo, ha attirato l'attenzione del famoso designer e fotografo Alexey Brodovitch, che, all'epoca, era il direttore artistico di
    Harper Bazaar.

    Brodovitch assunse Hofer come fotografo editoriale, il che portò a ulteriori commissioni per numerose riviste e giornali di prestigio, tra cui, Vogue e della gestione della Il New York Times

    Gravediggers, Dublino, 1966


    Alla fine degli anni '1950, Hofer ha prodotto le immagini per Mary Mcarthy
    Pietre di Firenze, un esame letterario della storia e della cultura della città toscana. Un punto importante della sua carriera, Hofer avrebbe continuato a collaborare con autori rinomati come VS Prichett e Jan (James) Morris, producendo libri simili in altre città, tra cui Dublino, Parigi e Washington DC.Le sue immagini mozzafiato, catturando perfettamente l'essenza dei loro soggetti e mostrano tutti i tratti per i quali il suo lavoro è ora sinonimo.

    Piccola Italia, New York, 1965
    Ragazza con bicicletta, Dublino, 1966


    A differenza delle fotocamere dinamiche a mano preferite dalla maggior parte dei suoi contemporanei, Hofer lavorava principalmente con una fotocamera di grande formato montata su treppiede, un processo che richiedeva molta pazienza e attenzione. Ciò si riflette nella sensibilità e nella quiete che definiscono il suo lavoro; il suo approccio è studiato, che ricorda il suo connazionale August Sander.

    Le sue immagini sono considerate, ma mai inventate, mantenendo un attento equilibrio tra il realismo della fotografia documentaria e la sua visione soggettiva.

    Capodanno a Chinatown, 1964
    Chiesa di Harlem, New York, 1964


    La sua splendida ritrattistica, l'opera per la quale è forse più conosciuta, comprende uno spaccato sociologico, dai becchini a Dublino che riposano sulle loro pale, ai fedeli afroamericani ad Harlem.

    Hofer fotografava invariabilmente i suoi soggetti dove li incontrava, al fine di offrire loro una familiarità con l'ambiente circostante e presentarli con tranquilla dignità, sforzandosi sempre di catturare ciò che lei descriveva come un "Valore interno, un po 'di rispetto interiore".

    Four Young Men, Washington DC 1975, fotografia a colori di Evelyn Hofer
    Quattro giovani uomini, Washington DC 1975


    La sua natura morta, che iniziò a raffigurare più frequentemente negli anni '1970, sono opere davvero notevoli che mostrano una magistrale comprensione di forma, luce e colore.

    Oggetti apparentemente banali assumono un significato profondo che, se visto attraverso il suo obiettivo, evoca il lavoro dei maestri olandesi e spagnoli del XVII secolo, indicativo dell'interesse attivo per la pittura che ha mantenuto per tutta la sua vita.

    Brocca in peltro con uva (Natura morta n. 7), New York, 1997, Fotografia a colori di Evelyn Hofer
    Brocca in peltro con uva (Natura morta n. 7), New York, 1997


    In effetti, il suo interesse per il mezzo ha informato gran parte del suo lavoro; una volta affermò che i numerosi pittori con cui aveva stretto una stretta amicizia,
    "Mi ha mostrato come guardare".

    Fotografia a colori di Evelyn Hofer
    Pollock / Krasner Studio, Long Island 1988


    Negli anni '1960 Hofer adottò l'uso della pellicola a colori e della stampa a trasferimento di colore, un processo complicato, raramente utilizzato all'epoca.

    Ha continuato a lavorare sia a colori che in bianco e nero quasi fino alla sua morte a Città del Messico, all'età di 87 anni, sebbene sia rimasta una figura un po 'enigmatica, senza mai ottenere molta fama personale durante la sua vita. Ciò ha portato il famoso critico d'arte Hilton Kramer a ritenerla: "Il fotografo sconosciuto più famoso d'America"

     

    Il lavoro di Evelyn Hofer è disponibile in una nuova collezione intitolata Incontri, pubblicato da Steidl.

    Tutte le immagini © La tenuta di Evelyn Hofer