Gregorio Crewdson

Profilo In primo piano: Gregory Crewdson

© Gregorio Crewdson

Dirigendo le fotografie come se fossero film, Gregory Crewdson interpreta il dio con ciò che lo circonda, organizzando meticolosamente ogni dettaglio per creare inquietanti scene suburbane completamente distaccate dalla realtà.


─── di Rosie Torres, 19 maggio 2019
  • Padrino dei tableaux cinematografici su larga scala, Gregory Crewdson si è fatto un nome inventando un modo di girare che è così intrinsecamente unico.

    Fotografia a colori suburbana al tramonto Gregory Crewdson
    Senza titolo, 2003


    Nato a Brooklyn nel 1962, Crewdson ha avuto un primo contatto con la fotografia, visitando la retrospettiva di Diane Arbus al Museum of Modern Art con la sua famiglia all'età di 10 anni.
    Chiaramente impressionato dal potenziale della fotografia, Crewdson in seguito suonò in una band di garage per adolescenti chiamata Gli Speedies il cui primo singolo è stato "Lasciami prendere la tua fotografia."

    Qualche anno dopo, Crewdson ha frequentato la SUNY Purchase School di New York e, successivamente, la Yale University School of art, dove ora dirige gli studi universitari in fotografia.

    Fotografia a colori per auto suburbane Gregory Crewdson
    Senza titolo, 2003


    Per il suo progetto di tesi di Master ha scattato dei ritratti ai residenti della zona di Lee, nel Massachusetts, dove la sua famiglia aveva una casa per le vacanze. È stato durante le riprese di questo progetto che Crewdson ha immaginato quello che in seguito sarebbe diventato suo Meraviglia naturale serie (1992-97), che consisteva in foto di uccelli, insetti e parti del corpo mutilate presentate in modo surreale in ambienti domestici. Questo scontro tra domestico, suburbano e surreale è ciò per cui Crewdson sarebbe diventato famoso.

    Fotografia in bianco e nero dell'uccello Gregory Crewdson
    Senza titolo (dalla serie Hover), 1997
    Camion dei pompieri Fotografia in bianco e nero Gregory Crewdson
    Senza titolo, 1995


    Allontanandosi dai primi piani e verso vedute dall'alto, Crewdson ha anche ambientato le sue serie successive nei cortili di Lee. Ancora una volta concentrandosi su strani scenari, ma lavorando in monocromia,
    Librarsi (1995-1997) mostra il lato più oscuro della periferia osservando scene inquietanti in cui i residenti del quartiere sono osservati da qualche essere onnipresente.

    “Mi interessa la questione della narrazione, come la fotografia sia distinta, ma connessa, ad altre forme narrative come la scrittura e il film. Questa idea di creare un momento congelato e muto, che forse alla fine pone più domande che risposte, propone una narrazione aperta e ambigua che consente allo spettatore, in un certo senso, di completarla. In definitiva, sono interessato a questo momento ambiguo che attira lo spettatore attraverso la bellezza fotografica, attraverso la repulsione, attraverso una sorta di tensione ". - Gregorio Crewsdon

    Guardare la TV a colori Fotografia Gregory Crewdson
    Untitled (The Father) dalla serie 'Beneath the Roses', 2005


    Le sue serie successive continuarono con questi temi, ma Crewdson sviluppò il suo lavoro introducendo il colore e la scala ingrandita al suo lavoro.
    Crepuscolo e della gestione della Sotto le rose sono corpi di lavoro estremamente cinematografici che richiamano i film di periferia degli anni '80 di Steven Spielberg e altri autori di genere.

    Guardando fuori dalla neve Fotografia a colori Gregory Crewdson
    Il disturbo, 2014


    Le sue fotografie ambiziose sono diventate sempre più ambiziose e per nascere richiedono una procedura lunga e complessa.

    Crewdson di solito impiega una squadra di dozzine di assistenti, luci in stile hollywoodiano, set meticolosamente realizzati e ha persino fotografato alcuni degli attori più memorabili del cinema moderno. Ha in programma di dirigere un lungometraggio in futuro.

    Macchina nella neve Fotografia a colori Gregory Crewdson
    Senza titolo, 2006
    Fotografia a colori della stanza Gregory Crewdson
    Senza titolo, 2004
    Fotografia a colori di Room Girl di Gregory Crewdson
    Senza titolo, 2007


    Crewdson ha giustificato la sua attrazione per il misterioso affermando
    “Alla fine, probabilmente ciò che mi spaventa di più è la realtà. Quando è una rappresentazione, quando è separata dal mondo, diventa più facilmente poetica o bella ".

    Figlio di uno psicoanalista, cresciuto in periferia, Crewdson ha chiaramente trascorso gran parte della sua giovinezza immaginando scenari macabri per sfuggire alla monotonia della giovane adolescenza. È rinfrescante vedere il lavoro di un artista che impiega una giovane immaginazione, contaminata dalle paure metaforiche e dalle preoccupazioni dell'età adulta.

    Supermercato Harry's Color Photography Gregory Crewdson
    Senza titolo, 2004


    Visto al meglio come stampe, dove si possono cogliere i dettagli, il suo lavoro è incredibilmente ricco, complesso e offre nuove narrazioni a ripetizione.

    Lasciate aperte all'interpretazione dello spettatore, le sue fotografie esistono in un regno di metafore influenzate dalla teatralità dei maestri del cinema come David Lynch, Stephen Spielberg e Alfred Hitchcock.

    Fotografia a colori della lampada della stanza Gregory Crewdson
    Untitled (Debutante) dalla serie 'Beneath the Roses' 2006


    Infuso con un senso di
    Americana Ricordando i dipinti di Edward Hopper, Crewdson fonde lo strano con il familiare, affermando di farlo "coreografo" luce nell'immaginario paesaggio senza trama del Massachusetts.

    I numerosi riconoscimenti di Crewdson includono una National Endowment for the Arts Visual Artists Fellowship e la Aaron Siskind Foundation Fellowship, che lo rendono uno dei più prestigiosi artisti basati sull'obiettivo che lavorano oggi.

     

    Tutte le immagini © Gregorio Crewdson