Jamel Shabazz

Profilo Jamel Shabazz: L'occhio delle strade di New York

© Jamel Shabazz

“Per essere un grande fotografo di strada, secondo me, bisogna avere curiosità, pazienza, rispetto, empatia e una visione chiara”. – Jamel Shabazz


─── di Josh Bright, 1 settembre 2022

Fotografo di fama mondiale nato a Brooklyn, Jamel Shabazz (giudice di The Independent Photographer's 2022 Street Photography Award) ha trascorso gli ultimi quattro decenni a catturare l'essenza della vita nella sua città natale.

Street photography di Jamel Shabazz, ritratto, bambini
'Un tempo di innocenza' Flatbush, Brooklyn, 1981


Flatbush, Brooklyn, 1981, un gruppo di bambini in posa, stipati in un carrello della spesa, la loro vivacità giovanile, e la loro innocenza, perfettamente catturati. È una delle immagini più iconiche di Shabazz, che incarna lo stile distinto per cui è famoso.

Nato e cresciuto nel quartiere Red Hook di Brooklyn, nel 1960, Shabazz è cresciuto in una famiglia creativa. Da adolescente, la sua casa permeava del suono del soul e della prima disco, ed era piena di riviste come National Geographic e Vita, insieme a una litania di libri che abbracciano di tutto, dalla politica alla fotografia (inclusa la storica monografia di Leonard Freed del 1968, 'Bianco e nero in America', che ha avuto un impatto significativo sul giovane). 

Street photography di Jamel Shabazz, ritratto di uomini in metropolitana, Brooklyn, 1980
"Trio", Brooklyn, New York, 1980
Street photography di Jamel Shabazz, ritratto di uomo con boombox, Brooklyn, New York. C 1980
Radioman, Flatbush, Brooklyn, c. 1980


Questi diversi filoni hanno contribuito a plasmare la sensibilità di Shabazz e lo hanno ispirato a prendere in mano una macchina fotografica, all'età di quindici anni, incoraggiato da suo padre, che era lui stesso un fotografo.

“Aveva sempre una macchina fotografica al collo e quando ha iniziato a insegnarmi il mestiere, ha sottolineato che dovevo portare la mia macchina fotografica ovunque, avere il cappuccio tolto e diaframma e otturatore regolati per ogni occasione; come non sai mai quando vedrai qualcosa che catturerà il tuo sguardo.

Street photography di Jamel Shabazz, ragazzi che si lanciano sul materasso
"Volare in alto", Brooklyn, 1982


All'età di 17 anni, Shabazz si arruolò nell'esercito e fu mandato a Germania. È tornato a New York tre anni dopo, a cavallo degli anni '1980, un momento chiave della cultura americana contemporanea. Il movimento hip hop (che comprendeva musica, danza e moda) era esploso in alcuni quartieri del centro città, anche se, contemporaneamente, il declino industriale e la stagnazione avevano portato a un'elevata disoccupazione, all'erosione sociale e a un aumento della criminalità, generando un crack epidemia che ha rovinato molti dei suoi amici d'infanzia.

Spinto dal desiderio di "onorare ed elevare i giovani della sua comunità", Shabazz è sceso sui marciapiedi, nelle piazze pubbliche e nelle metropolitane della sua zona con la sua nuova fotocamera Canon Ae1 35mm in mano (un regalo di addio dei militari), e fotografato i suoi compatrioti con onestà, abilità artistica e rispetto.

Street photography di Jamel Shabazz, uomo che gioca con il cane, New York, 1980
'Uomo e cane', Lower East Side, 1980
Street photography di Jamel Shabazz,
Ritorno al mondo, Crown Heights, Brooklyn, 1982
Street photography ritratto di Jamel Shabazz. Ragazzi, New York, 1980
Giornate in piscina, Brownsville, 1980


Passando da un obiettivo grandangolare da 28 mm, per scatti dinamici più spontanei, a un obiettivo da 50 mm, per la ritrattistica, ha catturato immagini sorprendenti intrise di ottimismo. Quest'ultimo era il prodotto di una "collaborazione" con i suoi soggetti, di solito catturata dopo una breve ma profonda conversazione, in cui Shabazz esaltava l'importanza di scegliere "la retta via".

In quanto locale, che comprendeva il vernacolo del quartiere - lo stile, il linguaggio del corpo e lo slang - gli è stata concessa fiducia e, quindi, una vicinanza che gli ha permesso di catturare i suoi sudditi con rara veridicità. I suoi giovani soggetti sono rafforzati dalla loro esperienza, trasmettendo un forte senso di orgoglio e fiducia.

Street photography ritratto di Jamel Shabazz. Ragazzi, New York, 1980
"Giovani ragazzi", East Flatbush, Brooklyn, 1981


Sebbene noto principalmente per queste immagini sorprendenti e ricche di colori, intrise di energia e positività, ha catturato anche interpretazioni più cupe. Nel 1983, desideroso di aiutare ulteriormente la sua comunità, ha accettato un lavoro presso il Dipartimento di correzione di New York, che lo ha portato nella famigerata prigione di Riker's Island della città; il Corte Suprema dello Stato a Manhattan - dove ha lavorato principalmente con detenuti malati di mente e pazzi criminali - e vari altri luoghi e programmi, che includevano tutoraggio, riabilitazione dalla droga e rilascio dal lavoro.  

Avrebbe trascorso diversi decenni lì, assistendo da vicino agli effetti dell'epidemia di crack che aveva devastato le comunità svantaggiate in tutta la città e trasmettendo le sue esperienze attraverso il suo obiettivo.

 

 

Fotografia in bianco e nero di Jamel Shabazz, uomo in prigione al telefono. Isola di Rikers. 1985
Dentro la casa del dolore, Rikers Island, 1985


A quattro decenni dalla sua carriera, il suo approccio rimane sostanzialmente invariato. Tuttavia, più recentemente, iPer comprendere meglio le diverse culture che compongono la sua città natale, ha rivolto la sua attenzione al di fuori della sua comunità. Lui ha ha partecipato e documentato vari eventi culturali e sfilate, tra cui, tra molti altri, Pride, Native American Pow Wows e uno che gli sta molto a cuore, la parata annuale del Veterans Day.

“Quando ho iniziato questo viaggio fotografico, ho concentrato il mio obiettivo principalmente sulla mia comunità. Con il passare degli anni e ho iniziato a viaggiare, mi sono concentrato sullo sviluppo di un corpo di lavoro più ampio e definitivo. Nella maggior parte dei casi, il mio approccio personale era il fidanzamento, nel senso che se vedevo qualcuno che volevo fotografare, mi prendevo il tempo per fermarmi e spiegare la mia intenzione sul motivo per cui volevo fotografarlo. (Da dove vengo, non potevi scattare una fotografia di una persona e tenerla in movimento, poiché i risultati potrebbero essere molto negativi.) Ho scoperto che era meglio coinvolgere una persona e guadagnare prima la sua fiducia. Era una pratica comune che seguivo da molti anni".

Fotografia in bianco e nero di Jamel Shabazz, metropolitana, treno, ora di punta, New York, 1980
"L'ora di punta", 1980


Osserva che l'ascesa della fotografia da cellulare dalla metà degli anni 2000 ha reso il suo approccio più impegnativo. La capacità di scattare "selfie" ha reso molte persone riluttanti a farsi fotografare da uno sconosciuto e, quindi, ha fatto ricorso all'uso del suo obiettivo da 28 mm più frequentemente, documentando i suoi soggetti "usando il paesaggio come sfondodrop'.

Nel corso degli anni Shabazz ha esposto ampiamente negli Stati Uniti ea livello internazionale, incluso al Il Brooklyn Museum, lo Studio Museum ad Harlem, Il Museo J. Paul Getty, e il Victoria and Albert Museum a Londra. Ha pubblicato diversi libri, tra cui Tempo fa (2001), e ha lavorato come artista dell'insegnamento in istituzioni come il Centro Internazionale di Fotografia.

In bianco e nero street photography ritratto di Jamel Shabazz. Ragazzo che saluta.
'Salute', 1995


Oggi è ampiamente riconosciuto come uno dei più importanti fotografi di strada del nostro tempo, un professionista unico e visionario il cui impegno incrollabile per lo spirito umano è fonte di ispirazione per tutti noi.

“Per quanto riguarda i consigli, dovrei ribadire ciò che mio padre mi ha trasmesso, e cioè portare la macchina fotografica ovunque tu vada, con il cappuccio tolto, e l'otturatore e il diaframma regolati di conseguenza, per rispondere a qualsiasi situazione che potrebbe sorgere in qualsiasi momento. dato momento”.

 

Tutte le immagini ©  Jamel Shabazz