Joe Clarke

Profilo La poesia visiva di Joe Clarke

©Joe Clarke

“…trovare sacche di luce e blocchi di colori contrastanti o notare movimenti brevi e insoliti, sarà sempre nella mia mente…” – Joe Clarke


─── di Josh Bright, 12 gennaio 2024
  • Joe Clarke è un fotografo inglese emergente, le cui immagini profondamente avvincenti esplorano poeticamente i temi della nostalgia, della libertà e della solitudine.

    Street photography di Joe Clarke. Volto di donna nell'ombra.


    L'interesse di Clarke per la fotografia è iniziato da bambino, influenzato dalla sua educazione rurale e dall'amore per la vita all'aria aperta. All'inizio degli anni 2000, l'acquisto di una Nikon Coolpix da parte di suo padre suscitò la curiosità di Clarke. Un giorno, prendendo in prestito la macchina fotografica, ha scattato la foto di una mucca, un'esperienza che, secondo le sue stesse parole, lo ha lasciato "catturato!". Tuttavia, a
    Sebbene abbia continuato a fotografare per tutta la sua giovinezza e la prima età adulta, è stato solo durante un viaggio in Islanda nel 2017 che ha scoperto veramente la sua vocazione.

    “Fino all’Islanda, avevo la sensazione che la mia fotografia fosse priva di senso di direzione o scopo. Quella settimana in Islanda si è tradotta nel mio primo “corpo di lavoro”, per così dire, e nella prima volta in cui ho provato a raccontare una storia attraverso le mie immagini, quindi ha cambiato tutta la mia percezione della creazione di immagini”.

    Street photography di Joe Clarke. Ombre.
    Fotografia in bianco e nero di Joe Clarke. Volto di donna.
    Street photography di Joe Clarke. Uomo con l'ombrello.


    La spontaneità rimane un principio fondamentale della sua pratica oggi ed è stata la forza trainante di quel viaggio fondamentale. Ha scelto di non pianificare un itinerario o percorsi specifici, guidando invece lungo piccole strade sterrate fuori dai sentieri battuti, alla ricerca di luoghi che non fossero stati oggetto delle onnipresenti immagini catturate in Islanda. È stato un approccio che, come lui stesso descrive, “mi ha costretto a fermarmi e ad imparare l’arte di notare”.

    Questa nuova prospettiva divenne da allora in poi il fondamento della sua pratica: un approccio caratterizzato da spontaneità e sperimentazione ma sottolineato da un intento nuovo e più mirato.

    Fotografia di natura morta di Joe Clarke. Fiori.
    Fotografia di Joe Clarke. Il volto sfocato dell'uomo.


    Anche se il lavoro di Clarke abbraccia vari generi – paesaggio, strada, ritratto e natura morta – è legato insieme da fili comuni ed estetiche che, come dice lui, “riflettono sempre le esperienze che sto vivendo in quel momento”. Ad esempio, unnel bel mezzo del blocco del Covid del 2020, rivisitare la casa della sua infanzia ha evocato un profondo sentimento di nostalgia, ispirandolo a iniziare a fotografare vari soggetti che in precedenza non avevano attirato la sua attenzione.

    “Mi sono fissato sul passaggio del tempo, notando i cambiamenti in mezzo all’immutabile. Sorprendentemente, nonostante le limitazioni imposte dal lockdown, ho sentito un insolito senso di libertà, soprattutto nelle mie attività creative. Questo periodo ha influenzato in modo significativo la direzione attuale del mio percorso fotografico’. 

    Fotografia di Joe Clarke. Bambino.
    Street Photography di Joe Clarke.
    Fotografia di paesaggio di Joe Clarke.


    In un’epoca in cui la fotografia satura la nostra vita quotidiana, le immagini di Clarke si distinguono per la loro unicità. Impiegando tecniche come l'inquadratura creativa, prospettive non convenzionali, messa a fuoco morbida e velocità dell'otturatore lente per evocare il movimento dinamico, utilizza anche riflessi e trame e toni ricchi per creare immagini simili a un dipinto che, a volte, evoca il lavoro dei primi pionieri del colore. Saul Leiter ed Ernst Haas, entrambi citati come influenze importanti.

    Fotografia di Joe Clarke.
    Street photography di Joe Clarke.


    Al di fuori della fotografia, dice di essere “fortemente ispirato dalla musica, dal cinema e dall’arte, in particolare dal come”.
    i maestri olandesi raffiguravano luci e ombre”, per creare “qualità sottili ed emotive”, qualcosa a cui piace fare riferimento nel suo lavoro. Anche la post-produzione gioca un ruolo significativo nel raggiungimento del suo stile unico. Meticolosamente creativo, studia la teoria del colore ed emula l'estetica dei vecchi film, aggiungendo "un senso di nostalgia nell'immagine finita", qualcosa che realizza costantemente con disinvoltura.

    Fotografia di Joe Clarke.
    Fotografia di Joe Clarke. luci.
    Nero bianco street photography di Joe Clarke. Riflessione nelle pozzanghere.


    Riflettendo sui sei anni trascorsi da quel fondamentale viaggio in Islanda, Clarke riconosce che la sua pratica si è evoluta notevolmente. Lo stile distinto che ha sviluppato è il risultato della "sperimentazione, della ripresa di soggetti in modi diversi e del gioco con le tecniche di editing" che porta a un lavoro che si distingue nella cacofonia dello spazio visivo online.

    Tuttavia, si ha la sensazione che l'evoluzione sia ancora in corso, poiché cerca nuovi modi creativi per produrre immagini. Io, per esempio, non vedo l'ora di seguire il suo viaggio.


    Tutte le immagini © Joe Clarke