Michael Yamashita

Profilo Michael Yamashita

©Michael Yamashita

“La fotografia deve essere la tua passione, la tua totale ossessione…”
–Michael Yamashita


─── di Josh Bright, 4 dicembre 2023
  • Uno dei fotografi più influenti del nostro tempo, Michael Yamashita ha trascorso gran parte della sua carriera di quasi cinquant'anni viaggiando in Asia, catturando immagini davvero straordinarie che distillano l'essenza di questo vasto e diversificato continente.

    Fotografia di Michael Yamashita. Pescatore con lancia nelle Filippine
    Pescatore con lancia, Palawan, Filippine 1998


    Nato a San Francisco nel 1949 e cresciuto a Montclair, nel New Jersey, Yamashita, un giapponese americano di terza generazione, nutriva un profondo interesse per la sua eredità fin dalla tenera età, che lo portò a conseguire una laurea in studi asiatici presso la Wesleyan University nel Connecticut.

    Il suo viaggio nella fotografia è stato fortuito; dopo la laurea intraprende un viaggio in Giappone alla ricerca delle sue radici e acquista una macchina fotografica per documentare le sue esperienze, una decisione che cambierà il corso della sua vita. Nonostante all'epoca non nutrisse una passione particolare per la fotografia, Yamashita si è subito innamorato del processo. Si è unito a un club fotografico, desiderando incontrare quanti più fotografi possibile per sviluppare le sue capacità ed esplorare la sua passione e, mentre migliorava ed esplorava ulteriormente il Giappone, ha iniziato a sognare come sarebbe stato scattare foto professionali per National Geographic.

    Fotografia di Michael Yamashita. Bambini che filano la seta nello Xinjiang, Cina
    Nella regione di Hotan, la filatura della seta viene ancora eseguita utilizzando grandi filatoi - Xinjiang, Cina


    Imperterrito dagli scettici che etichettavano le sue aspirazioni come un "sogno impossibile", Yamashita rimase irremovibile. Quattro anni dopo il suo viaggio cruciale a Giappone, il suo sogno è diventato realtà dopo essersi avvicinato al direttore della fotografia di National Geographic Magazine, Bob Gilka, con il suo portfolio. Dopo aver esaminato il suo lavoro, Gilka gli ha consegnato alcuni rotoli di Kodachrome e gli ha incaricato di fotografarli National Geographic Kids, Yamashita accettò e produsse una storia avvincente su una scuola di alpinismo e di sci nelle Alpi francesi, che come lui stesso definisce "superò la prova".

    Fotografia di Michael Yamashita. Palazzo nel Tibet.
    Il Palazzo del Potala, ex residenza del Dalai Lama, dominava la vista mentre le carovane si avvicinavano alla capitale del Tibet, Lhasa. Nei secoli XVIII e XIX, la struttura di 18 piani era classificata tra gli edifici più alti del mondo.
    Fotografia di Michael Yamashita.
    Donna mascherata a Minab, Iran
    Fotografia di Michael Yamashita. Ritratto di un sant'uomo in India.
    Sadhu sant'uomo a Jujarat, India


    La sua successiva proposta per una storia sul Giappone fu inizialmente rifiutata a causa di un altro fotografo che già lavorava sull'argomento. Tuttavia, il destino intervenne quando il fotografo in questione si ammalò, portando Gilka a invitare Yamashita ad accettare l'incarico. Il conseguente servizio di 32 pagine sull'ultima frontiera del Giappone, l'isola di Hokkaido, ha segnato un punto di svolta nella sua carriera, portando a una collaborazione di lunga data con la rivista, che ha dato vita a lavori davvero straordinari.

    Fotografia di Michael Yamashita. Monaci in una bufera di neve, Tibet.
    Incuranti della bufera di neve, i monaci attendono l'inizio delle preghiere del mattino. Monastero di Labrang, Tibet.


    Durante tutta la sua carriera, Yamashita ha fotografato in sei diversi continenti, è il suo lavoro in Asia quello per cui è più conosciuto. Yamashita dice che deve "tutto alle sue origini giapponesi" e si sente più a suo agio a lavorare in Asia, scherzando dicendo che "scatta foto solo in paesi dove il riso è il piatto principale".

    Ha costantemente proposto stories che hanno un significato personale, coprendo un ampio spettro, da argomenti ben noti a quelli alquanto oscuri. Oltre ai lunghi viaggi attraverso la sua terra natale, ha tracciato i percorsi dei personaggi storici Marco Polo e dell'esploratore cinese Zheng He, esplorando quasi l'intero continente asiatico, mentre, negli ultimi due decenni, la sua attenzione si è concentrata prevalentemente sulla Cina. e il Tibet, accumulando probabilmente gli archivi fotografici più estesi del mondo sulle regioni.

    Fotografia di Michael Yamashita. Festival di Datak Chachar, Malesia
    Al culmine del festival Datak Chachar, la processione dei penitenti, con la pelle forata con ami da pesca, attraversa Malacca, in Malesia.
    Fotografia di ritratto di Michael Yamashita. Giovane donna musulmana.
    Le giovani donne musulmane di Pate sono avvolte nel tradizionale buibui che copre tutto tranne i loro volti espressivi.
    Fotografia di Michael Yamashita. Progetto di corse di cavalli a Hokkaido, in Giappone
    Progetto di corse di cavalli a Hokkaido, in Giappone


    “Il Tibet continua a essere la mia passione mentre lavoro contro il tempo, documentando una cultura che sta rapidamente scomparendo a causa della modernizzazione e della cinesizzazione. Dopo essere stato escluso dalla Cina negli ultimi tre anni, ho appena trascorso tre settimane osservando la crescita delle città con blocchi di edifici a più piani dove un tempo sorgevano case tibetane a due piani. Un altro libro è in arrivo”.

    Che sia mozzafiato paesaggi, rappresentazioni intime della vita quotidiana, cerimonie religiose e culturali, o ritratti Catturate in ambienti quotidiani, le straordinarie immagini di Yamashita sono invariabilmente caratterizzate da sensibilità, rispetto e profonda passione per i suoi soggetti. Insieme alla sua abilità tecnica, all'occhio per la composizione e il colore e all'ingegno creativo, le sue fotografie creano una narrazione avvincente che attira gli spettatori nelle scene raffigurate, evocando un senso di voglia di viaggiare e fascino.

    Fotografia di Michael Yamashita. Pescatori sulla spiaggia in India.
    Le scaglie brillano come gioielli, mentre i pescatori puliscono le reti sulla spiaggia di Somatheeram, proprio come quando Zheng He navigò lungo la costa del Malabar, in India.


    Da quel viaggio fondamentale in Giappone decenni fa, con la macchina fotografica in mano, il viaggio di Yamashita è stato a dir poco straordinario. Da quell'incarico iniziale per National Geographic Magazine a Hokkaido nel 1980, ha contribuito con quasi quaranta stories alla pubblicazione e ha prodotto due lungometraggi documentari ispirati alla sua ampia copertura di Marco Polo e Zheng He.

    Fotografia di Michael Yamashita. Donne Yi, Cina
    Le donne Yi, note per i loro costumi colorati e caratteristici, preparano un pasto nel loro villaggio vicino a Shaxi. Sono tra le 40 minoranze le cui culture erano collegate dalla Tea Horse Road. Cina
    Fotografia di Michael Yamashita. Bambini tagiki di una scuola elementare a Taxkorgan, Xinjiang, Cina
    Bambini tagiki di una scuola elementare a Taxkorgan, Xinjiang, Cina
    Fotografia di Michael Yamashita. Le donne coltivano a mano i loro campi d'orzo. Regione dello Yunnan, Cina
    I vecchi metodi prevalgono sulle montagne dello Yunnan, dove le donne coltivano ancora manualmente i campi di orzo: in Cina


    Ha pubblicato sedici libri, esposto ampiamente in tutto il mondo e ricevuto una miriade di prestigiosi premi e riconoscimenti del settore. Al di là dei suoi successi, Yamashita è diventato un insegnante e conferenziere ricercato, conducendo seminari e conferenze nelle università e apparendo come un TEDx Altoparlante. Sempre generoso con indicazioni e consigli, è desideroso di assistere i professionisti emergenti:

    “La fotografia deve essere la tua passione, la tua totale ossessione per farcela nel mondo di oggi. Studia i maestri e affina le tue abilità. Partecipa a workshop con i fotografi di cui ami le foto. Partecipa a concorsi e pubblica sui social media per vedere come il tuo lavoro viene percepito dal pubblico. La migliore palestra è lavorare per un giornale dove ti viene chiesto di fotografare ogni situazione su richiesta e dove imparerai l'arte di visual storytelling. "

    Fotografia di Michael Yamashita. Le donne coltivano a mano i loro campi d'orzo. Pellegrini, Lhasa
    Nel cammino verso Lhasa, i pellegrini si prostrano ogni tre passi. Dopo aver trascorso settimane a piedi, la famiglia deve ancora percorrere quasi 300 miglia su questa strada millenaria. Tibet.


    Yamashita è un fotografo davvero unico. Una delle figure più influenti del medium e un maestro moderno, la cui passione, percettività e dedizione incrollabile alla sua arte possono servire da ispirazione per tutti noi.

     

    Tutte le immagini © Michael Yamashita