Mikko Takkunen

Book Review Mikko Takkunen – Hong Kong

© Mikko Takkunen

Hong Kong, il libro d'esordio del fotografo finlandese e redattore fotografico del New York Times Mikko Takkunen, iun'ode malinconica alla sua città natale adottiva.


─── di Josh Bright, 11 aprile 2024
  • Mikko Takkunen ha trascorso più di cinque anni (tra il 2016 e il 2021) a Hong Kong come redattore fotografico asiatico del NYT International Desk, coprendo le principali notizie stories in 25 paesi della regione.


    Il 2020-2021 è stato un periodo strano per Hong Kong. È stata la conseguenza delle manifestazioni di massa da record che hanno avuto luogo in risposta alla proposta di legge che avrebbe consentito le estradizioni nella Cina continentale nel 2019, e per molti abitanti della città permaneva un senso di disagio. Nel frattempo, la pandemia di COVID-19 aveva colpito il mondo, creando ulteriore paura e incertezza.


    Nel mezzo di tutto questo, Takkunen è sceso in strada e ha catturato una città con la quale aveva sviluppato uno stretto legame, ma che sembrava sempre più fragile.

    Chi ha avuto l’opportunità di visitare Hong Kong, comprende lo spettacolo visivo che offre: una vivace metropoli brulicante di oltre 7 milioni di abitanti, che si colloca tra le città più densamente popolate a livello globale. È un mix accattivante di imponenti grattacieli e vivaci mercati di strada, che offre ispirazione illimitata ai fotografi.


    Prima di diventare un editor fotografico, Takkunen era un fotografo, il cui sguardo è stato modellato dal tempo trascorso a Londra. Ispirato dagli innovatori d'avanguardia Louis Faurer, Louis Stettner e Saul Leiter, che consideravano New York City (dove Takkunen trascorse anche diversi anni dopo Londra) la loro musa ispiratrice, Takkunen si sforzò di catturare la sua Hong Kong adottiva in un modo "fresco". Il suo occhio per il colore, la luce e la composizione, affinato sia attraverso il suo lavoro come fotografo che come editor di foto, genera immaginiccattivanti e bellissime che lasciano un ricordo indelebile.


    A causa delle restrizioni imposte dalla pandemia, le strade viste in queste immagini sono tranquille, un sorprendente allontanamento dalle scene frenetiche tipicamente associate a Hong Kong. Nonostante ci siano persone nelle immagini, il solito caos caotico della città non si vede da nessuna parte. Invece, le persone sono spesso raffigurate da sole, isolate tra gli edifici imponenti.

    La sua magistrale inquadratura crea prospettive uniche di queste strade ben documentate, fotografando attraverso la condensa o finestre coperte di polvere, utilizzando ombre, angoli insoliti, riflessi o linee e forme geometriche naturali per creare composizioni pittoriche uniche che ricordano immediatamente le meravigliose rappresentazioni di Leiter. della sua amata Manhattan (un luogo che condivide molto di quel claustrofobico, intenso, frenetico Hong Kong).


    Sono, come sottolineato da Geoff Dyer (il pluripremiato scrittore e autore inglese) nel suo saggio avvincente che apre il libro, in enorme contrasto con quelli di Takkunen. selected nel suo ruolo di redattore di foto per il New York Times, che spesso sono "brulicanti di informazioni", come quelle che raffigurano gli scontri tra polizia e manifestanti catturati da Lam Yik Fei.


    Le immagini di Takkunen evocano un'atmosfera più tranquilla e introspettiva, venata di nostalgia e forse un pizzico di tristezza, un sentimento comprensibile in mezzo all'isolamento indotto dalla pandemia. Tuttavia, potrebbero anche riflettere le contemplazioni del fotografo, suggerendo la possibilità che anche allora, sapesse che questi momenti avrebbero potuto segnare la fine del suo tempo vissuto in una città che lo aveva profondamente influenzato in un periodo relativamente breve. Come dice eloquentemente: “Queste fotografie sono il mio ultimo abbraccio a Hong Kong. Sono anche il mio addio”.

     

    'Hong Kong' – La prima monografia di Takkunen viene pubblicata da Kehrer.

    Tutte le immagini © Mikko Takkunen