Nick Brandt

Profilo Nick Brandt

© Nick Brandt

“La dannazione della vita animale, la degradazione della vita umana, la coniugalità distruttiva tra i due: non sono solo gli animali le vittime della devastazione ambientale, ma anche gli esseri umani che ora abitano questi paesaggi” – Nick Brandt


─── di Josh Bright, 4 gennaio 2023

The Independent Photographer 2023 Black & White Premio fotografico è ora aperto per le iscrizioni e sarà giudicato da Nick Brandt. Uno dei fotografi più influenti del nostro tempo, le potenti immagini in bianco e nero di Brandt trasmettono in modo articolato l'impatto devastante della distruzione ambientale e del cambiamento climatico sul nostro pianeta.

Ritratto in bianco e nero di elefante di Nick Brandt
Elefante che beve, Amboseli, 2007. Ucciso dai bracconieri, 2009 (Across the Ravaged Land)


Nato a Londra, nel 1964, Brandt nutriva sia l'amore per il mondo naturale, sia un interesse per la fotografia (in particolare il lavoro di Richard Avedon, Edward Steichen e Diane Arbus) fin dalla tenera età, e ben presto si rese conto di poter combinare entrambi, "per esprimere i suoi sentimenti riguardo alla crescente distruzione per mano degli umani".

Ha studiato pittura e cinema al Central Saint Martins College of Arts and Design, nella sua città natale, prima di trasferirsi in California, dove ha trascorso diversi anni dirigendo video musicali per una serie di artisti di fama mondiale.

Ritratto in bianco e nero del leone nella cava di Nick Brandt
Cava con leone, 2014 (Inherit the Dust)


Ha iniziato il suo progetto fotografico inaugurale, intitolato, Su questa Terra, nel 2001, il primo di una serie in tre parti in cui ha catturato la bellezza immensa ma che svanisce rapidamente dell'Africa orientale. Per "umanizzarli", Brandt ha utilizzato una fotocamera di medio formato caricata con in bianco e nero film per fotografare animali in uno stato di "essere", uno stile più tipico della ritrattistica classica rispetto alle immagini colorate e ricche di azione normalmente associate alla fotografia naturalistica.

"…IO considerano gli esseri umani e gli animali come la stessa cosa: creature senzienti che dovrebbero essere su un piano di parità in termini di rispetto per la vita e il benessere. L'intelligenza - almeno il tipo di intelligenza che riconosciamo - non dovrebbe avere alcuna rilevanza. Tratteresti Albert Einstein meglio di un bambino autistico "meno intelligente"? Ovviamente no. Quindi lo stesso dovrebbe valere per gli animali”.

Ritratto in bianco e nero di persone e rinoceronti di Nick Brandt
Najin e persone nella nebbia, Kenya, 2020 (The Day May Break)


È tornato nella regione numerose volte tra il 2005 e il 2008, rilasciando la serie Un'ombra cade, in 2009, prima di completare la trilogia nel 2013 con Attraverso la terra devastata (il titolo di ognuno pensato per formare un unico, struggente, messaggio).

Oltre ai suggestivi ritratti di animali dei suoi due predecessori, la serie ha introdotto per la prima volta soggetti umani: i Rangers di Brandt Fondazione Grande Vita (che ha lanciato tre anni prima per aiutare a preservare gli ecosistemi critici in Kenya e Tanzania), è raffigurato mentre brandisce le zanne di elefanti uccisi dai bracconieri.

Foto in bianco e nero di un ranger con zanne di elefante Amboseli, 2011 di Nick Brandt
Ranger con zanne di elefante ucciso per mano di un uomo, Amboseli, 2011 (Across the Ravaged Land)


Più tardi, nel 2013, ha rilasciato Il pietrificato, posizionare gli animali morti che ha trovato trascinati sulla riva del lago Natron in Tanzania, come se fossero ancora vivi, con un effetto sorprendente, e sono tornati in Africa orientale ancora una volta l'anno successivo, per la serie Eredita la polvere.

Per mostrare "l'impatto degli esseri umani sulla diminuzione della quantità di habitat lasciato al mondo naturale", ha realizzato stampe a grandezza naturale di ritratti di animali che aveva catturato in precedenza e li ha collocati in luoghi che una volta vagavano, ma, a causa di intervento umano, non farlo più. 

Ritratto in bianco e nero di elefanti in ambiente urbano Nick Brandt
Sottopassaggio con elefanti, 2014 (Inherit the Dust)


Le risultanti fotografie panoramiche su larga scala sono straordinariamente potenti.  Allo stesso tempo belli e scioccanti, trasmettono la drammatica portata della distruzione nella regione, i maestosi animali colpiscono uno spettacolo profondamente triste, giustapposti alle cave, alle fabbriche e ai cumuli di rifiuti che un tempo erano vaste pianure aperte.

I toni monocromatici generano un'atmosfera drammatica e malinconica che secondo Brandt, oltre a "ridurre l'immaginell'essenziale, costringendo così lo spettatore a concentrarsi sulle forme grafiche e sulla composizione all'interno della cornice, è in linea con il concetto e il soggetto questione'. Sebbene fotografato nell'Africa orientale, afferma che "potrebbe essere applicato ovunque gli animali vagassero".

Ritratto in bianco e nero di zebra in ambiente urbano Nick Brandt
Road to factory with zebra, 2014 (Inherit the Dust)


Basandosi su questo concetto, pur passando brevemente e in modo insolito al colore, la sua serie del 2019 Questo mondo vuoto focalizzato sulla terra Masaai Ranch, vicino
Amboseli National Park in Kenya, uno degli ultimi paesaggi non protetti, dove animali e umani convivono ancora l'uno accanto all'altro.

Nick Brandt, fotografia a colori elefante e autobus, luci rosse
Stazione degli autobus con elefante e bus rosso, 2019 (This Empty World)


Ogni immagine è il risultato di due sequenze separate girate a distanza di settimane. Per la prima, ha fotografato animali che vagavano in un set parzialmente costruito, che è stato successivamente completato e riempito di persone, prima che una seconda sequenza fosse fotografata dalla stessa identica posizione della precedente.

Durante la visualizzazione del concetto, Brandt ha affermato di aver "immaginato immediatamente". le fotografie notturne, con i "colori innaturali, spesso sgargianti del mondo umano moderno", e quindi "il bianco e nero sarebbe mancato di modernità e avrebbe diluito il senso di invasione". Una scelta astuta: i compositi risultanti generano un senso di disagio per l'incongruenza degli animali tra i dintorni urbanizzati.

Ritratto in bianco e nero di uomo, donna ed elefante di Nick Brandt
Fatuma, Ali e Bupa, Kenya, 2020 (Il giorno dell'alba)


Più recentemente, Brandt ha lavorato a una serie in tre parti intitolata Il giorno potrebbe scoppiare, la cui terza parte è ancora in corso. Catturate in Kenya, Zimbabwe e Bolivia, le immagini raffigurano v
vittime del cambiamento climatico, rese senza tetto dai cicloni o i cui mezzi di sussistenza sono stati distrutti da anni di siccità, accanto agli animali dei santuari, salvati a causa della distruzione del loro habitat o del bracconaggio dei loro genitori. Entrambi sono stati catturati in un unico fotogramma, reso possibile dall'addomesticamento degli animali, la maggior parte dei quali non potrà mai essere rimessa in libertà.

Ritratto in bianco e nero di donna, bambino e cervo di Nick Brandt
Halima, Abdul e Frida, Kenya, 2020 (L'alba di maggio)
Ritratto in bianco e nero di donna e giraffa di Nick Brandt
Helen and Sky, Zimbabwe, 2020 (The Day May Break)
Ritratto in bianco e nero di donna e giraffa di Nick Brandt
Silva e Wood Owl, Zimbabwe, 2020 (The Day May Break)


Sorprendente e potente, accentuato dalla nebbia permeante che indica il fumo degli incendi sempre più intensi che continuano a devastare gli habitat in tutto il mondo, ii è un progetto che in molti modi racchiude la sua pratica: esseri umani e animali con la stessa dignità e rispetto, fotografati con un'arte e una sensibilità che si addicono al soggetto. Sebbene indubbiamente cupe e toccanti, allo stesso tempo, queste sono immagini non prive di speranza, un messaggio per tutti noi, che non è troppo tardi.

Nick Brandt
Marisol e Luca, Bolivia, 2022

“Immagino che se c'è un messaggio prevalente, è che dobbiamo essere amministratori di gran lunga migliori della terra. Che tutti abbiamo bisogno di imparare ad essere buoni antenati, rispettosi non solo di coloro che sono vivi ora, ma di tutti coloro che non sono ancora nati, che devono ancora essere sottoposti all'impatto del comportamento umano ora.

_____________________

Tutte le immagini © Nick Brandt

The Day May Break (Parte 2) sarà esposto a Galleria Polca, Parigi dal 20 gennaio al 04 marzo 2023

The Day May Break, This Empty World, Inherit the Dust, Across the Ravaged Land e On this Earth, A Shadow Falls, sono disponibili come monografie tramite il suo sito web.