Vikram Kushwah

Storia L'istruzione che non ho mai avuto

© Vikram Kushwah

"... Questi bambini rappresentano la mia famiglia, ogni suo membro è stato educato in una scuola come questa... tranne me." – Vikram Kushwah


─── di Josh Bright, 20 ottobre 2022

L'educazione che non ho mai avuto, dal fotografo indiano Vikram Kushwah con sede nel Regno Unito, è un tributo profondamente personale e profondamente coinvolgente all'amore duraturo di un padre.

VK: “Al momento di fotografare questo progetto – The Education I Never Had – nel 2019, per 35 anni, nel corso di tutta la mia vita, mio ​​padre era stato insegnante in una scuola governativa nelle zone rurali dell'Uttar Pradesh, uno degli stati più poveri in India.

Ritratto di bambini e insegnante del fotografo Vikram Kushwah, dalla serie L'educazione che non ho mai avuto.
'Ben arrivato'


VK: Fino a febbraio di quell'anno, non ero mai stato alla sua scuola. Mia moglie ha cercato in più occasioni di organizzare una visita, ma ogni volta ha rifiutato. Solo quando gli ho detto che volevo fare un racconto fotografico prima che andasse in pensione l'anno successivo, ha organizzato a malincuore una visita.

Ritratto di bambini del fotografo Vikram Kushwah, dalla serie L'educazione che non ho mai avuto.
"Ragazzi che si puliscono i capelli"


VK: Mio padre è figlio di un contadino, il più giovane di sei figli sopravvissuti all'infanzia. La scuola in cui lavora non ha elettricità e nei caldi mesi estivi le lezioni si tengono sotto un grande albero di Ficus. In primavera, durante la stagione degli esami, mi meraviglio mentre lo guardo scrivere i risultati su grandi registri degli esami sparsi sul tavolino dei miei genitori. Quando finisce, tira i registri, che sembrano sopravvissuti all'era vittoriana.

Fotografia di Vikram Kushwah, dalla serie L'educazione che non ho mai avuto.
'Il laboratorio'
Fotografia di ritratti di Vikram Kushwah, insegnante e studente
'Mignolo signora'
Fotografia di ritratti di Vikram Kushwah, scolari
'Bengali Babu'


VK: Mio padre aveva 25 anni quando si è sposato con mia madre, che ne aveva solo 16. Meno di un anno dopo, sono nato. Quando avevo tre anni, mio ​​padre mi aveva mandato in un collegio ai piedi dell'Himalaya, non perché non mi amasse, ma perché voleva per me una vita migliore di quella che aveva per sé, una vita migliore rispetto ai bambini della scuola del villaggio dove insegnava.

Fotografia di Vikram Kushwah, scolari, India
'Imparare sotto l'albero di Ficus'


VK: Negli anni '1980, mio ​​padre è stato incredibilmente progressista e lungimirante. Lui e mia madre non avevano altri figli, poiché sapevano che non potevano permettersi questo tipo di istruzione per più di un bambino. Davvero, non potevano permetterselo nemmeno per me. Hanno vissuto in una baracca di una stanza per diciotto anni mentre io giocavo a cricket e studiavo fisica con i figli dei diplomatici.

Vikram Kushwah, ritratto di un insegnante in India dalla serie The Education I Never Had
L'insegnante che ha fatto domande


VK: Di recente, durante il festival indiano di Holi, ho ricevuto una telefonata da mio cugino, che vive ancora nel villaggio ancestrale di mio padre con sua madre e suo padre, nonché sua moglie e due bambini. Era ubriaco quando ha chiamato. Ha chiesto della mia vita nel Regno Unito e si è lamentato dell'altro nostro cugino che è scomparso da quando eravamo bambini. Quando abbiamo riattaccato, ho capito che avrei potuto essere lui.

Ritratti di gruppo di Vikram Kushwah, ragazze della scuola
'Le ragazze'


VK: I bambini in queste immagini sono belli, giocherelloni, diversi, semplicemente sono umani. Tuttavia, il loro intelletto e i loro talenti potrebbero non essere mai pienamente espressi poiché sono anche poveri. Questi bambini rappresentano la mia famiglia, ogni suo membro è stato educato in una scuola come questa... tranne me.

'Shri Jawahar High School', fotografia di Vikram Kushwah
"Scuola superiore Shri Jawahar"
Ritratto di scolari del fotografo Vikram Kushwah
"Figli di mio padre"
Ritratto di scolari del fotografo Vikram Kushwah
'Amici in maglioni rossi'


VK: C'è un cliché sull'essere un fotografo, di cui i fotografi sono entrambi parte e tuttavia sono intrinsecamente separati da ciò che stanno fotografando. Fotografando nella scuola di mio padre, mi sono sentito profondamente parte della scena. Il suo magro stipendio da insegnante di governo in qualche modo, contro ogni previsione, mi ha fornito una vita straordinaria, in cui sono diventato un fotografo (una professione che i miei genitori ancora non capiscono), ho sposato uno straniero (un altro concetto difficile inizialmente per loro) e mi sono trasferito all'estero (forse il più difficile da accettare per loro).

Ritratto di gruppo di ragazzi in classe, India, di Vikram Kushwah
"Ragazzi in classe"


VK: Questa scuola governativa è la India Sono tornato a casa durante le vacanze scolastiche, mentre i miei compagni di classe andavano in vacanze sontuose a Dubai e in America. Ovviamente non ho mai detto ai miei compagni di classe che mio padre insegnava in una scuola statale. Per evitare di essere vittima di bullismo a causa del mio ambiente povero, ho mentito e ho detto loro che era un insegnante alla Delhi Public School, che era molto più rispettabile. Fotografando nella sua scuola, sapevo che era sia la mia India che per niente la mia India.

Vikram Kushwah, fotografia di ritratti, scolari, India, insegnante.
'Padre mio maestro'


VK: Nonostante fosse un uomo piuttosto semplice, mio ​​padre sapeva che c'era di più nel mondo, oltre a classi sporche e libri di testo vecchi di decenni. Voleva che trovassi quello che c'era là fuori, anche se significava che l'avrei lasciato indietro, più e più volte. Eppure, come nella maggior parte dei viaggi, c'è un ritorno, e dopo aver visto così tanto del mondo, davvero, quello che desideravo di più era tornare da lui, conoscere lui e la sua vita e capire i suoi sacrifici".

 

Testo e immagini © Vikram Kushwah