Jacopo Della Valle

Storia Waterworld

©Jacopo Della Valle

“Waterworld”, di Jacopo Maria Della Valle, racconta la storia dei Bajau (noti anche come 'gli zingari del mare') e del loro intricato legame con le acque che chiamano casa.


─── di Rosie Torres, 21 maggio 2024
  • I Bajau sono un popolo apolide e nomade che abita le acque costiere delle Filippine, della Malesia e dell'Indonesia. 

    Fotografia documentaristica di Jacopo Della Valle. Bambini su una barca con palafitte in legno sullo sfondo. Dal suo progetto "Waterworld".


    Si ritiene che le loro radici risalgano alle guardie del Sultanato di Johor, che migrarono dalle Filippine meridionali alla costa orientale del Borneo in seguito a forti tempeste dopo la caduta del Sultanato di Malacca.
    La leggenda narra che durante una catastrofica alluvione avvenuta in Malesia migliaia di anni fa, la principessa di Johor fu spazzata via da potenti correnti. Addolorato, il padre della principessa ordinò ai suoi sudditi di mettersi alla ricerca, tornando solo dopo averla ritrovata. È una leggenda che si intreccia con le origini storiche del popolo Bajau, plasmandone l'identità e il legame con il mare.

    Fotografia documentaristica di Jacopo Della Valle. Ritratto di tre uomini nell'oceano


    Il fotografo italiano Jacopo Maria Della Valle ha trascorso gli ultimi dieci anni viaggiando per il mondo, incontrando e fotografando gruppi etnici e minoranze poco conosciuti, spesso invisibili alla nostra società, che ancora sopravvivono alla globalizzazione cercando di conservare le loro tradizioni ancestrali. Nel 2023, durante un viaggio nel sud-est asiatico, ha sentito parlare dei Bajau e, incuriosito dalla loro storia, ha deciso di saperne di più.


    J.Maria Della Valle:
    L'ispirazione alla base del progetto "Waterworld" è incentrata su un profondo fascino per il popolo Bajau e il suo modo di vivere unico. Sono rimasto affascinato dalla loro esistenza nomade, dal loro intimo rapporto con il mare e dalla loro grande resilienza di fronte alle avversità. Volevo far luce sulla loro storia e sulle loro lotte quotidiane. Le sfide, come l’inquinamento e la dipendenza dai mercati sociali, che minacciano il loro modo di vivere.

    Ritratto di donna Bajau con il volto dipinto di giallo di Jacopo Della Valle


    J.Maria Della Valle:
    I Bajau sono classificati in tre gruppi: tribù isolane, abitanti di villaggi su palafitte di legno in mare aperto, e Bajau Laut, che vivono tutta la loro vita su piccole imbarcazioni di legno chiamate "lepas", che misurano solo 5 metri di lunghezza e 1.5 metri di larghezza. Largo.

    Salis, un pescatore, mi ha guidato attraverso diversi villaggi marittimi di Bajau, offrendo spunti sul loro stile di vita e traducendo la loro lingua. Nonostante abbia tentato di trasferirsi sulla terraferma per lavoro in città, Salis è tornato alla sua palafitta nel parco marino “Tun Sakaran” dopo aver lottato per adattarsi alla vita lontano dal mare. La sua casa è un paradiso tra acque trasparenti, barriere coralline e diverse specie marine.

    Fotografia documentaristica di Jacopo Della Valle. Foto di un uomo che salta giù da una barca con una lancia
    Fotografia documentaristica di Jacopo Della Valle. Ritratto di una ragazza su una barca
    Fotografia documentaristica di Jacopo Della Valle. Ritratto di un giovane ragazzo


    J.Maria Della Valle: La costruzione delle palafitte dura circa due mesi durante la bassa marea. Ogni casa offre un unico spazio abitativo in cui mi sono unito a Salis e ai suoi amici nelle sessioni di pesca, meravigliandomi della loro profonda conoscenza oceanica e delle loro abilità di apnea.

    I Bajau sono abili apneisti, grazie alla loro milza ingrossata che immagazzina più ossigeno per lungo tempo subacqueo immersioni. Pescano e raccolgono risorse marine, immergendosi fino a 30 metri di profondità, e interagiscono principalmente con la terraferma per vendere merci e acquisire beni di prima necessità o ripararsi durante le tempeste. Tuttavia, devono affrontare rischi per la salute come la narcosi da azoto e non hanno accesso all’assistenza sanitaria a causa della loro apolidia.

    Fotografia documentaristica di Jacopo Della Valle. Foto di palafitte in legno nell'oceano


    J.Maria Della Valle: 
    Le loro origini nomadi e l'inclinazione all'isolamento rappresentavano sfide nell'avvicinarsi e nella comprensione dei Bajau. Stabilire la fiducia è stato un processo graduale basato sul rispetto reciproco, sulla pazienza e sulla comprensione. Attraverso una ricerca approfondita e un'educazione sulla cultura, le tradizioni e lo stile di vita Bajau, mi sono avvicinato alle loro comunità con sensibilità e consapevolezza. Utilizzare le presentazioni dei contatti locali con rapporti consolidati tra i Bajau mi ha aiutato ad acquisire fiducia e legittimità.


    J.Maria Della Valle:
    Una comunicazione aperta sullo scopo e sugli obiettivi del mio progetto fotografico, insieme alla ricerca dei loro input e feedback, ha assicurato la loro responsabilizzazione e coinvolgimento. Rispettare la loro privacy e i loro confini era fondamentale, ottenendo sempre il consenso prima di scattare fotografie e onorando qualsiasi richiesta di privacy o limitazione dell'oggetto.

    Fotografia documentaristica di Jacopo Della Valle. Pesca subacquea della donna.


    J.Maria Della Valle: Sebbene la transizione alla vita sulla terraferma non sia fattibile, i Bajau devono armonizzarsi con il loro ambiente preservando le loro tradizioni. Trovare un equilibrio tra le esigenze della società moderna e il patrimonio culturale è essenziale per il loro futuro.

    Spero che gli spettatori delle mie fotografie e della storia del popolo Bajau acquisiscano una comprensione e un apprezzamento più profondi per la loro cultura e il loro modo di vivere. Spero di ispirare azioni positive e sostegno per i loro diritti, il benessere e la conservazione del loro patrimonio. 

    Jacopo Della Valle. Mondo acquatico


    J.Maria Della Valle: Ancora più importante, spero che il mio lavoro promuova l’empatia e la compassione verso il popolo Bajau, incoraggiando gli spettatori a riconoscere la loro comune umanità e il desiderio universale di connessione, appartenenza e dignità. In sostanza spero che gli spettatori si commuovano non solo per la bellezza delle immagini ma anche per la profondità stories raccontano, spingendoli a impegnarsi con empatia, rispetto e solidarietà nei confronti del popolo Bajau e delle altre comunità emarginate in tutto il mondo.

     

    Tutte le immagini © Jacopo Della Valle