Bokh Un progetto fotografico di Ken Herman - Pubblicato il 24 maggio 2018

“Quando un ragazzo nasce nella Mongolia Interna, la sua famiglia prega perché diventi un lottatore. Questa antica tradizione è la pietra angolare della cultura mongola che risale a secoli fa, al regno di Gengis Khan, quando la usò per tenere i suoi soldati pronti alla battaglia.

Khan ha paragonato il wrestling alla guerra: in entrambi, affronti nemici più forti e più potenti di te e devi attaccare. È un sentimento che questi giovani lottatori tengono molto a mente. Questa forma unica di wrestling governa lo status dei giovani uomini all'interno della comunità, poiché è usata come segno di virilità. Questi attacchi si svolgono nelle praterie remote e desolate, vuote all'orizzonte ad eccezione di poche iurte sparse e greggi di pecore.

Il wrestling mongolo sembra una danza. Gli avversari si incontrano sul ring con le mani tese, muovendosi l'uno intorno all'altro fino a quando uno di loro prende il comando. Si impegnano in lunghe e drammatiche prese, che a volte assomigliano a intimi abbracci. In un istante è finita. Un viaggio. Un ascensore. Un lancio. Ed è fatto. "

- Scopri di più sul lavoro di Ken qui

Chiama per le iscrizioni

Ritratto fotografico a colori di donna con guanti rossi di Anna Karvounari
© Anna Karvounari
PREMIO Moda 2023

Vinci premi in denaro e visibilità internazionale

A febbraio, dalla ritrattistica in studio alle belle arti, editoriali commerciali o progetti personali, miriamo a scoprire lavori creativi e stimolanti che catturino il linguaggio visivo unico di questo affascinante genere.

  • Vinci $ 2000 in contanti
  • Mostre Internazionali
  • Pubblicato nel fotolibro 2023
  • Conto di portafoglio gratuito
Invia foto
Scadenza: 28 febbraio 2023

Articoli recenti

Altri articoli