Premio documentario agosto 2017


  • Fotografo vincitore Nadir Bucano

    Fotografo vincitore Nadir Bucano

    Un uomo porta le sue pecore nella stalla vicino a Van, in Turchia. Gennaio 2013. Dalla serie "Under the Shadow of the Sun". Van, situata nella regione dell'Anatolia orientale della Turchia, emerge come un insediamento arcaico con i suoi villaggi, montagne, laghi e isole. I suoi abitanti traggono forza da questa vita tranquilla. Quando prendi strade ripide e raggiungi lontani villaggi di montagna, ti accoglie una vita che a molti di noi non è familiare, una vita che non abbiamo visto dall'infanzia e che non vedremo mai più. Questa vita è l'antitesi della "vita tecno" in cui viviamo ora, dove siamo circondati da oggetti. -Nadir Bucan © Nadir Bucan - Sito web
  • Finalista Hakim Boulouiz

    Finalista Hakim Boulouiz

    © Hakim Boulouiz - Sito web
  • Finalista Ghinwa Daher

    Finalista Ghinwa Daher

    "Ciad - sul lato di una delle infinite autostrade del sud del Ciad, vediamo queste ragazze vestite di rosso, poiché i loro colori risaltavano nettamente sul deserto giallo polveroso. Desiderosi di un assaggio di latte di cammello fresco, ci fermammo accanto a loro. Il nostro desiderio di "Halib Jamal" è stato esaudito e l'oro bianco ci è stato presentato in una bottiglia di coca cola, dato che era mattina e stavano appena mungendo i loro cammelli ". - Ghinwa Daher © Ghinwa Daher - Sito web
  • Finalista Aaron Anfinson

    Finalista Aaron Anfinson

    "Non voleva mostrare la sua faccia. Non sapeva cosa avrebbero fatto il suo datore di lavoro, i suoi insegnanti, i suoi genitori se avessero saputo che stava prendendo parte alla spinta per la democrazia di Hong Kong. Poiché i leader della protesta sono attualmente incarcerati retroattivamente per loro la partecipazione a proteste pacifiche, le nozioni di libertà di parola e rappresentanza politica nella "Città mondiale" di Hong Kong non sono mai state più controverse ". -Aaron Anfinson © Aaron Anfinson - Sito web
  • Finalista Antonio Sojka

    Finalista Antonio Sojka

    "Tide è un saggio fotografico sulle persone che vivono in un luogo davvero unico chiamato Halligen, che consiste di dieci piccole isole situate nel Mare del Nord tedesco. A Hallig è un'isola molto piccola e piatta senza dighe protettive. La palude salata copre il tutta una zona che è piena di piccoli canali d'acqua.La popolazione varia da 2 a 100 abitanti che hanno una lunga tradizione familiare di vivere lì.Le principali fonti di reddito sono il turismo, l'agricoltura e la protezione della costa.Alcuni degli Halligen hanno la loro scuola, che sono i più piccoli della Germania con solo pochi alunni e grandi differenze di età tra di loro. Le persone stanno invecchiando e non c'è abbastanza lavoro o spazio per il sostentamento delle nuove generazioni. Anche le case sul Warften sono molto costose e alcune hanno bisogno di ristrutturazione e questo rende difficile trovare acquirenti adatti, che dovrebbero anche essere disposti a voler vivere sulla Hallig.È una questione molto difficile e nessuno è in grado di dire cosa accadrà esattamente in futuro.L'unico la cosa che sicuramente verrà è la prossima marea." - Antonio Sojka © Antony Sojka - Sito web
  • Finalista Panasnn Pattanakulchai

    "Fotografie che mettono in discussione il lusso dei nuovi grattacieli che stanno spuntando come funghi in tutta Bangkok e le dure vite degli operai che li hanno costruiti. Il progetto è realizzato giustapponendo le immagini delle pubblicità di quei grattacieli, in particolare i loro lussuosi interni, all'interno di fotografie di rifugi temporanei per indigenti dei lavoratori edili". -Panasann Pattanakulchai © Panasann Pattanakulchai - Sito web
  • Finalista Jean Claude Moschetti

    L'associazione Egungun è una società vudù segreta che onora gli spiriti degli antenati e perpetua i loro ricordi. Egungun appare nelle strade di giorno o di notte, saltando, ballando o camminando ed emettendo forti grida. Dovrebbe essere tornato dalla terra dei morti per accertarsi di cosa stia succedendo. Può quindi essere considerato una specie di inquisitore soprannaturale che appare di tanto in tanto per indagare sulla condotta domestica generale delle persone e per punire i misfatti. - Jean Claude Moschetti © Jean-Claude Moschetti - Sito web
  • Finalista Mauro De Bettio

    Finalista Mauro De Bettio

    Il 9 ottobre 1963, durante il riempimento iniziale, una massiccia frana provocò un megatsunami artificiale nel lago in cui 50 milioni di metri cubi d'acqua superarono la diga in un'onda alta 250 metri (820 piedi), portando alla completa distruzione di diversi villaggi e città e 1,910 morti. Questo è uno dei meravigliosi piccoli gesti quotidiani che durante tutta la mia vita ho osservato in lei. Placida, mia nonna, aveva 39 anni nel lontano '63, quando sotto l'onda del Vajont perse il marito. Una persona che, purtroppo, il destino non ha lasciato il tempo di farmi conoscere. Tutti sapevano che quel pezzo di montagna sarebbe caduto in quel lago artificiale. Ma nessuno si aspettava che l'acqua avrebbe spazzato via per sempre un intero villaggio e quasi tutti i suoi abitanti. Un'ondata che ha lasciato lei, e una manciata di anime, completamente sole al mondo." -Mauro De Bettio © Mauro De Bettio - Sito web
  • Finalista Sandra Cattaneo Adorno

    "Fotografo le persone vicino alla stazione della metropolitana mentre emergono alla luce dopo essere state sottoterra o mentre scendono nell'ombra. In questo regno liminale di luce e oscurità emerge un elemento di vulnerabilità inconscia mentre le persone si adattano alla nuova condizione di luce . Sono incuriosito dal modo in cui la luce forte e il contrasto trasformano i lineamenti delle persone e consentono la possibilità di creare narrazioni." - Sandra Cattaneo Adorno © Sandra Cattaneo Adorno - Sito web
  • Finalista Virginia Terrasse

    Un giovane non aggrappato alla terra, cimitero di Tasiilaq - Virginia Terrasse © Virginie Terrasse - Sito web

Finalisti

Feedback della giuria

  • © Bjorn Steinz

    Giudice: Bjorn Steinz

    Björn Steinz ha iniziato a fotografare in tenera età per un giornale locale nella sua città natale di Oberursel in Germania.

    Lavorando su diversi progetti a lungo termine, l'interesse di Björn per la fotografia si concentra principalmente sulla fotografia documentaria, sul fotogiornalismo e sulla ritrattistica. La maggior parte dei suoi progetti sono all'interno di un contenuto sociale. Nel corso degli anni Björn ha lavorato più volte nella Federazione Russa, con un accento particolare stories relativi alle condizioni estreme durante i mesi invernali nella zona siberiana della Yakutia.

    Con sede nella Repubblica Ceca, Björn insegna fotografia documentaria e cultura visiva all'Università anglo-americana di Praga. Il suo lavoro è stato pubblicato da Die Zeit, The Financial Times, Geo, Newsweek, The Open Society Foundations e National Geographic.

    Björn è rappresentato da Panos Pictures, la prestigiosa agenzia fotografica londinese specializzata in questioni sociali globali.

Paolo Belford
© Paolo Belford

aperto a tutti i fotografi

Entra a far parte di una comunità vivace: il premio del concorso è un'opportunità unica per ottenere visibilità e fornisce una piattaforma per celebrare il meglio della fotografia contemporanea.

Aperto per le iscrizioni

studio a colori ritratto di moda artistica di donna di Paolo Barretta
©Paolo Barretta
2024 PREMIO Colore

Win $2000 Premi in denaro ed esposizione internazionale

Dai ritratti audaci ai paesaggi eterei: invitiamo i fotografi a celebrare con noi la bellezza e la diversità della fotografia a colori!

  • Vinci $ 2000 in contanti
  • Esibizione internazionale
  • Condiviso su rete IG +735K
  • Gratis Portfolio Il mio account
Invia foto
Scadenza: 30 April 2024

Vincitori precedenti


Edizione precedente 2022/2023


EDIZIONI PASSATE

Edizione 2021/2022

Edizione 2020/2021

Edizione 2019/2020

Edizione 2018/2019

Edizione 2017/2018

Edizione 2016/2017

Instagram

Segui @theindependentphoto